X
GO

Informazioni scientifiche su micotossine e agenti tossici naturali di origine vegetale

  • 10 dicembre 2009
  • Autore: Redazione VeSA
  • Visualizzazioni: 1598
  • 0 Commenti

 Conformemente all’ articolo 36 del suo regolamento istitutivo, l’EFSA  concede regolarmente sovvenzioni a organizzazioni partner designate dagli Stati membri dell’Unione europea, per coadiuvarla in ambiti quali la raccolta dati e altri lavori preparatori per la redazione dei pareri, oltre che nel sostegno tecnico e scientifico da essa offerto.


In questo caso è stato prodotto, da parte di personale dipendente dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza e dell’Università di Parma , un documento sulle micotossine ed agenti tossici naturali di origine vegetale.


Tali sostanze che possono essere presenti nelle piante e nei loro derivati possono avere un effetto nocivo sulla salute umana ed animale in relazione alla natura e alla concentrazione.

E’ stata condotta la valutazione del rischio per la morfina presente nei semi di papavero e su alcune micotossine in alimenti e mangimi (tossine dell’Alternaria alternata, diacetossiscirpenolo, sterigmatocistina, fomopsina), solo nei mangimi (nivalenolo) e solo negli alimenti (alcalodi dell’ergot)

Dopo una breve introduzione il documento descrive i funghi responsabili della produzione delle tossine.

 Sono poi discusse le proprietà chimico-fisiche, la biosintesi e l’analisi chimica per tutte le tossine. Vengono anche definiti i tassi di occorrenza delle tossine nelle diverse matrici.

Sono fornite indicazioni che permettono di prevenire la diffusione dei funghi e la produzione delle tossine nelle fasi precedenti e successive alla raccolta.

Infine sono discusse questioni relative agli aspetti farmacocinetici delle sostanze in esame ( assorbimento, distribuzione ed escrezione, metabolismo e carry-over), nonché alla tossicità ( sia acuta che cronica)


Leggi il documento in inglese

 

Autore 


Ultima modifica: 7 dicembre 2009
 
 

Stampa
Tag:
Valutazioni:
Nessuna valutazione

Redazione VeSARedazione VeSA

Altri articoli di Redazione VeSA

Contatta l'autore

Contatta l'autore

x