X
GO

Le nuove norme sui mangimi

  • 13 dicembre 2005
  • Autore: Redazione VeSA
  • Visualizzazioni: 1984
  • 0 Commenti

Contemporaneamente ai nuovi regolamenti comunitari del cosiddetto “pacchetto igiene”, si dovrà applicare, dal 1° gennaio 2006, il nuovo Regolamento 183/2005/CE che stabilisce i requisiti per l’igiene dei mangimi.

Tale regolamento abolisce la Direttiva comunitaria 95/69/CE che era stata recepita dall’ordinamento nazionale con il D.L.gs 123/99.

Il regolamento stabilisce condizioni e disposizioni atte ad assicurare la rintracciabilità dei mangimi fin dalla produzione primaria dei prodotti agricoli (coltivazione e raccolto).
Per alcune tipologie di stabilimento è prevista l’applicazione di un sistema di analisi del rischio e punti critici di controllo (HACCP).

In conseguenza dell'entrata in vigore di questo regolamento il Ministero della Salute ha emanato la  Nota DGVA-XI bis/38255/P del 27 ottobre 2005 in cui sono previsti i vari modelli da utilizzare da parte degli operatori del settore per continuare l'attività in corso o per intraprenderne una nuova.
La nota si conclude con due utili tabelle ( A, B ) che elencano, a seconda delle varie tipologie di impresa, i requisiti da rispettare.

Successivamente,in data 28 dicembre 2005, il Ministero della Salute  ha emanato la nota  N. 45950-P-I8da9/1 dal titolo "Applicazione Regolamento (Ce) 183/2005 del Parlamento Europeo e del Consiglio sull'igiene dei mangimi -Linee Guida-" che modifica parzialmente la modulistica destinata agli operatori del settore dei mangimi, per le comunicazioni alle Autorità Competenti, e fornisce ulteriori linee di indirizzo sulle modalità applicative del Reg. CE 183/2005.

I Servizi Veterinari di  Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche (I.A.P.Z.) delle Zone Territoriali - ASUR potranno fornire, agli operatori interessati, informazioni dettagliate sulle modalità di adeguamento alla nuova normativa per le diverse tipologie di attività e la relativa modulistica  da compilare e presentare.

Per gli operatori ASUR che accedono all’area riservata con password, è possibile acquisire, tra gli articoli correlati al presente testo, le note  del Ministero della Salute sopra descritte ed i relativi allegati.

Stampa
Tag:
Valutazioni:
Nessuna valutazione

Redazione VeSARedazione VeSA

Altri articoli di Redazione VeSA

Contatta l'autore

Contatta l'autore

x