X
GO

Covid-19 e animali domestici: cosa dice il DPCM 3 Novembre 2020

  • 7 novembre 2020
  • Autore: Redazione VeSA
  • Visualizzazioni: 2180
  • 0 Commenti

Con l’entrata in vigore, dallo scorso 6 Novembre, del Nuovo DPCM 3 Novembre 2020 (per un approfondimento si rimanda all’articolo: DPCM 3 Novembre: nuove misure per fronteggiare l’emergenza da Covid-19) dovranno essere modificate alcune abitudini e comportamenti quotidiani. Il Decreto prevede infatti l’attuazione di misure restrittive di diverso grado e intensità in base alla classificazione delle singole Regioni in area giallaarancione e rossa in relazione ai diversi livelli di criticità.

Ad oggi (saranno possibili variazioni successive in seguito alla costante valutazione di appositi parametri di monitoraggio della curva di contagio) le Regioni italiane sono così suddivise:

Area gialla: Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Province di Trento e Bolzano, Sardegna, Toscana, Umbria, Veneto.
Area arancione: Puglia, Sicilia.
Area rossa: Calabria, Lombardia, Piemonte, Valle d'Aosta.

Le limitazioni imposte per far fronte alla situazione di emergenza riguardano sicuramente anche la gestione degli animali domestici.

Per rispondere in maniera chiara e immediata ai dubbi dei proprietari di cani e gatti, la Fnovi ha realizzato un’apposita infografica riassuntiva che svolge anche la finalità di ricordare a tutti che le misure di protezione individuale e il rispetto delle norme di legge sono fondamentali a tutela della salute di tutti.

Per quanto riguarda la gestione degli animali da compagnia di proprietari infetti, non sono state emanate norme specifiche ma sono disponibili pubblicazioni e documenti dell’Istituto Superiore di Sanità e del Ministero della Salute (pubblicate nel periodo di Aprile 2020 durante la prima fase pandemica) che danno valide indicazioni sui comportamenti e sulle regole da seguire.

Scopo delle pubblicazioni quello di fornire ai proprietari di animali domestici, ai Servizi veterinari pubblici, ai medici veterinari liberi professionisti e, più in generale, a tutta la popolazione alcuni elementi conoscitivi di base per orientare la gestione degli animali da compagnia in corso di pandemia, nel rispetto del benessere e della salute dei pet e a garanzia della salute pubblica.

Per un approfondimento si rimanda quindi ai seguenti articoli:

1. Animali da compagnia e SARS-CoV-2: cosa occorre sapere, come occorre comportarsi

2. Linee guida per la gestione di animali da compagnia sospetti di infezione dal SARS-CoV-2 (Nota DGSAF 9224 17/04/2020)

3. COVID-19 negli animali domestici: dubbi, ricerche e nuovi studi

 

Autore: Dott. Stefano Gabrio Manciola

 

Stampa
Tag:
Valutazioni:
4.3

Redazione VeSARedazione VeSA

Altri articoli di Redazione VeSA

Contatta l'autore

Contatta l'autore

x