X
GO

Benessere dei conigli allevati: elaborate delle linee guida dal Ministero della Salute (2014)

  • 9 settembre 2014
  • Autore: Redazione VeSA
  • Visualizzazioni: 1838
  • 0 Commenti

Con Nota 7712 del 21/08/2014 della PF Veterinaria e Sicurezza Alimentare della Regione Marche è stata trasmessa la Nota del Ministero della Salute 0016200 del 31/07/2014 DGSAF-COD_UO-P relativa al benessere negli allevamenti cunicoli.

Nonostante la normativa generale vigente relativa alla protezione degli animali negli allevamenti, in ottemperanza al Decreto Legislativo 146/2001 relativo alla protezione degli animali negli allevamenti, non vi sono attualmente norme specifiche inerenti l'allevamento del coniglio.
In tal senso la Direzione Generale della Sanità Animale e del Farmaco Veterinario del Ministero della Salute ha ritenuto opportuno elaborare delle linee di indirizzo non obbligatorie e non vincolanti, avvalendosi della collaborazione del Centro di Referenza Nazionale per il Benessere Animale per alcuni aspetti strettamente tecnici, mirate soprattutto ad uniformare le metodiche di allevamento.

Nella prima parte vengono descritte le caratteristiche biologiche e fisiologiche dei conigli:

  • i comportamenti normali,
  • i periodi di attività e di riposo,
  • l'alimentazione e il consumo di acqua,
  • la struttura sociale,
  • le attività di comfort e i comportamenti di esplorazione,
  • le reazioni di allarme e difesa,
  • l'accoppiamento,
  • il parto, l'allattamento e lo svezzamento.

Conoscere queste caratteristiche è essenziale per la corretta gestione di questi animali anche negli allevamenti intensivi.

Viene poi trattata la parte riguardante l'allevamento vero e proprio.

L’allevamento dei conigli può avvenire in gabbie o a terra; quest’ultima alternativa garantisce maggior benessere ma può aumentare il rischio di trasmissione delle malattie.

L' allevatore/detentore dei conigli deve garantire che siano messe in atto tutte le misure  per salvaguardare il benessere e la salute degli animali, e per questo deve avere una adeguata formazione.

I conigli devono essere accuditi da un numero sufficiente di personale, qualificato e competente, capace di  riconoscere se sono in buona salute e si comportano normalmente, di valutare l'idoneità dell'ambiente e di maneggiare gli animali con cura. Il personale lavora sotto la diretta supervisione dell’allevatore.

Gli animali devono essere sottoposti ad ispezione visiva giornaliera; in caso di problematiche
sanitarie l’ispezione dovrà essere effettuata due o più volte al giorno. Inoltre, va verificato quotidianamente il corretto funzionamento dei sistemi automatici.

Le condizioni sanitarie degli animali devono essere strettamente monitorate.
Gli animali feriti, malati o stressati devono essere trattati immediatamente e, se possibile, separati dal resto del gruppo; se però non è più eseguibile un trattamento terapeutico e il trasporto verso il macello causerebbe ulteriori sofferenze, devono essere abbattuti di emergenza in azienda, senza causare dolore eccessivo, agitazione o sofferenza,  da una persona esperta nelle tecniche di abbattimento (tranne che in casi di emergenza quando tale figura non è immediatamente disponibile) con metodi in accordo con il Regolamento CE 1099/2009 .  “ Regolamento (CE) N. 1099/2009 del Consiglio del 24 settembre 2009 relativo alla protezione degli animali durante l’abbattimento”

Gli edifici e le attrezzature devono:

  •  permettere di soddisfare i fabbisogni fisiologici/etologici dei conigli;
  • non causare lesioni o traumi (es. lesioni podali);
  • limitare il rischio di malattie e aggressività;
  • consentire un’accurata ispezione (luce sufficiente);
  • permettere di mantenere una buona igiene e qualità dell’aria;
  • consentire un buon comfort termico (in particolare nei periodi caldi per evitare gli stress da calore);
  • non avere spigoli vivi, sporgenze e materiali dannosi;
  • consentire la prevenzione e il trattamento delle infestazioni da parassiti interni ed esterni, delle infezioni microbiche;
  • consentire ai conigli di vedere i propri simili;
  • fornire protezione da predatori e dalle condizioni metereologiche avverse;
  • fornire un ambiente stimolante (arricchimenti ambientali);
  • prevedere  uno spazio adeguato disponibile per gli animali malati o feriti che devono essere separati o isolati.
  • i pavimenti  non devono provocare alcun disagio, sofferenza o trauma, ma costituire una superficie rigida, piana, stabile, e non scivolosa;
  • I sistemi di alimentazione e di abbeverata devono:
                -minimizzate le perdite e le contaminazioni;
                - garantire a tutti i conigli un sufficiente accesso ad acqua e cibo per evitare competizioni;
                - non provocare lesioni o ferite;
                - funzionare in tutte le condizioni climatiche/atmosferiche.

E' specificato che non si devono effettuare Mutilazioni (procedure effettuate per scopi diversi
dal trattamento terapeutico che determinano danneggiamento o perdita di una parte sensibile del
corpo o alterazione della struttura ossea) sui conigli.

Sono inoltre fornite indicazioni precise per quanto riguarda il Management dell'allevamento.

Infine viene raccomandato che tutte le nuove tipologie di alloggio, soprattutto le gabbie, dovrebbero essere costruite nel rispetto delle indicazioni fornite negli allegati delle Linee di indirizzo.

Nell' Allegato 1 vengono fornite le Disposizioni comuni per tutti i sistemi di allevamento:

  • conigli da riproduzione,
  • conigli da ingrasso,
  • procedure sanitarie
  • alimentazione

Nell'Allegato 2 sono indicate le Disposizioni supplementari applicabili alle gabbie arricchite.

 

Per saperne di più:
-Decreto Legislativo 146/2001 relativo alla protezione degli animali negli allevamenti

- EFSA:  Scientific Opinion of the Scientific Panel on Animal Health and Welfare on “The Impact of the current housing and husbandry systems on the health and welfare of farmed domestic rabbits” Adopted on 13th and 14th September 2005

- Associazione Italiana Allevatori: Manuale di corretta prassi igienica per gli allevamenti cunicoli

Autori:
Dott.ssa S. Martino  

Dott. S. Tartari

Data di pubblicazione 09 settembre 2014

Stampa
Tag:
Valutazioni:
4.0

Redazione VeSARedazione VeSA

Altri articoli di Redazione VeSA

Contatta l'autore

Contatta l'autore

x