X
GO

14 e 15 Maggio 2009 - HACCP nelle piccole imprese alimentari: giornata di approfondimento a Fabriano

  • 6 ottobre 2009
  • Autore: Redazione VeSA
  • Visualizzazioni: 2030
  • 0 Commenti

“LA SEMPLIFICAZIONE DELL’HACCP PER LE PICCOLE IMPRESE DEL SETTORE ALIMENTARE” questo è il titolo del convegno dal Dipartimento di Prevenzione della Zona Territoriale n. 6 ASUR MARCHE Servizi Veterinari - Sian presso la sede di Fabriano.
Rivolto a Medici Veterinari (Igiene e Produzioni Zootecniche, Sanità Animale, Igiene Alimenti O.A.) Biologi/Medici (Sian) e Tecnici della Prevenzione, cioè alle figure delle Zone Territoriali ASUR deputate al controllo delle imprese che producono alimenti, ha trattato un tema particolarmente sentito in una regione che basa la sua economia sullo sviluppo di piccole-medie imprese, anche del settore alimentare.
Nella semplificazione dell’haccp infatti si auspica la realizzazione di uno strumento operativo a disposizione delle imprese alimentari utile per migliorare e documentare l’igiene e la sicurezza degli alimenti prodotti.
La prima parte del convegno ha riguardato le conoscenze relative alle fonti del diritto in rapporto ai regolamenti comunitari sul pacchetto igiene.
Tali argomenti sono stati egregiamente sviluppati dal prof. Giancarlo Ruffo (Docente presso l’istituto di Medicina Legale della facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università degli studi di Milano), non senza qualche polemica da parte dell’assemblea ,composta da personale dirigente veterinario, medico e biologo e tecnici della prevenzione, scaturita dalla comprensibile difficoltà da parte dell’operatore sanitario nell’accettare un modello nuovo di controllo, basato su una analisi e valutazione di procedure - haccp stabilite dall’operatore, sia esso allevatore o trasformatore di alimento, e non più imposte da parte dell’organo di controllo.

Nella  seconda parte la dr.ssa Marina Fridel, (Medico Igienista U.O. Igiene Alimenti e Nutrizione presso il Dipartimento di Sanità Pubblica - AUSL Cesena - Assessorato alla Sanità Regione Emilia-Romagna), in maniera  esaustiva ha esposto l’atto normativo  ed il modello dei controlli  adottati nella vicina regione Emilia Romagna, in  attuazione di  quanto previsto dal REG. 852/04 per le imprese di piccole dimensioni

Dal convegno sono emersi numerosi spunti interessanti quali:

  •  il miglioramento della qualità e l’ accreditamento dell’apparato che effettua i controlli mediante una  formazione a cascata degli operatori sanitari,
  • una valutazione e verifica degli stessi operatori da parte della Regione,
  • la definizione di una modulistica unica, utilizzata dagli operatori sanitari della regione E.R.

Numerosi e vivaci sono stati gli interventi dei partecipanti, in particolare nella seconda edizione, a dimostrazione dell’interesse per la tematica trattata e di quanto sia sentito il disagio generato da quesiti ancora non chiariti o da difformi interpretazioni/valutazioni della  normativa esistente.
In questa ottica momenti di confronto e dibattito, come il convegno organizzato a Fabriano, rappresentano un  importante contributo al percorso di progressivo chiarimento del  chi fa - che cosa  e come, in fase di attuazione dei nuovi regolamenti comunitari nel territorio della Regione Marche.

Presentazioni dei Relatori
Dr.ssa Marina Fridel -  U.O. Igiene Alimenti e Nutrizione-  Dipartimento di Sanità Pubblica -AUSL Cesena- Assessorato alla Sanità Regione Emilia-Romagna.

  1. La semplificazione dell’haccp nelle piccole imprese del settore alimentare
     
  2. Applicazione nel territorio della Regione Emilia - Romagna dell'Haccp da parte delle piccole imprese - Delibera Regione Emilia Romagna n. 1869 del 17.11.2008
     
  3. Semplificazione del sistema HACCP per alcune imprese del settore alimentare - Delibera Regione Emilia Romagna n. 1869 del 17.11.2008


Autore 

Ultima modifica : 29 giugno 2009
 

Stampa
Tag:
Valutazioni:
Nessuna valutazione

Redazione VeSARedazione VeSA

Altri articoli di Redazione VeSA

Contatta l'autore

Contatta l'autore

x