X
GO

L’utilizzo di acqua calda riciclata per eliminare la contaminazione microbiologica superficiale dalle carcasse

  • 2 settembre 2015
  • Autore: Redazione VeSA
  • Visualizzazioni: 1682
  • 0 Commenti

 

 

Il Regolamento (CE) 853/2004   all’articolo 3 paragrafo 2 recita “Gli operatori del settore alimentare non usano sostanze diverse dall'acqua potabile - o, ove il regolamento (CE) n.852 /2004 o il presente regolamento ne consenta l'uso, dall'acqua pulita - per eliminare la contaminazione superficiale dei prodotti di origine animale, salvo che l’uso sia stato approvato secondo la procedura di cui all'articolo 12, paragrafo 2. ……”.

Il Regolamento (UE) 2015/1474 della Commissione del 27 agosto 2015 disciplina l'utilizzo di acqua calda riciclata per eliminare la contaminazione microbiologica superficiale dalle carcasse.

Il citato regolamento è stato redatto sulla base del parere scientifico sulla sicurezza e sull'efficacia dell'utilizzo di acqua calda riciclata come tecnica di decontaminazione delle carcasse di animali, adottato il 30 settembre 2010 dal gruppo di esperti scientifici sui pericoli biologici dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare («EFSA»).

In tale parere l'EFSA conclude che l'acqua calda riciclata ha la stessa efficacia dell'acqua potabile calda per ridurre la contaminazione microbiologica superficiale e che i principali rischi legati al suo utilizzo sono i rischi microbiologici associati a determinate spore batteriche resistenti al calore.

Tali rischi possono essere limitati, contenendo i rischi chimici e microbiologici, prevedendo un associazione idonea di temperatura/tempo di trattamento dell’acqua nonché un idoneo regime di rinnovo.

Nell’ambito del proprio piano HACCP, l’operatore del settore alimentare che intenda utilizzare l’acqua riciclata per la decontaminazione della carcassa, dovrà raccogliere dati sulla presenza e il potenziale accumulo di determinate spore batteriche nell'acqua calda riciclata.

Nell’allegato I del Regolamento (UE) 2015/1474 sono definite le condizioni d'uso alle quali devono conformarsi gli operatori del settore alimentare che intendono utilizzare acqua calda riciclata per eliminare la contaminazione microbiologica superficiale dalle carcasse.

L’allegato I del Regolamento (UE) 2015/1474 è diviso in due parti:
  • Parte 1
    Condizioni d'uso dell'acqua calda riciclata per eliminare la contaminazione microbiologica superficiale dalle carcasse
  • Parte 2
    Criteri e parametri di controllo HACCP minimi

 
Autore: Dr. Alessandro Baiguini  

Data pubblicazione: 2 settembre 2015

Stampa
Tag:
Valutazioni:
Nessuna valutazione

Redazione VeSARedazione VeSA

Altri articoli di Redazione VeSA

Contatta l'autore

Contatta l'autore

x