X
GO

Misure dietetiche per supportare la salute gastrointestinale nei VITELLI

  • 17 settembre 2021
  • Autore: Redazione VeSA
  • Visualizzazioni: 341
  • 0 Commenti

Numerose sono le strategie nutrizionali che, negli anni, sono state attuate nell’allevamento bovino e che rappresentano tutt’ora uno strumento che ha come obbiettivo quello di migliorare la salute degli animali allevati, aumentare la loro efficienza produttiva e ridurre l'uso di antibiotici.

  • PRINCIPALI PRATICHE DI GESTIONE DELL’ALIMENTAZIONE: Ai vitelli devono essere somministrati un minimo di 4 litri di colostro entro 6 ore dalla nascita. Successivamente i vitelli possono essere alimentati con latte intero o con sostituti del latte per vitelli . Il latte intero deve essere pastorizzato prima dell'alimentazione. Il latte di scarto che contiene residui di antibiotici non deve essere somministrato ai vitelli. Dovrebbe inoltre essere garantito il libero accesso all'acqua potabile. E’ raccomandato l’accesso aggiuntivo alla paglia o ad altro foraggio grezzo.  Il passaggio dal latte ai mangimi solidi dovrebbe essere effettuato gradualmente.
     
  • PROTEINE ED AMMINOACIDI: Il latte scremato in polvere, o il siero di latte in polvere, sono raccomandati come fonti proteiche altamente digeribili che possono essere utilizzate per limitare la quantità di proteine non digeribili. L'uso di proteine vegetali può comportare livelli più elevati di proteine non digeribili. Ci sono ancora poche informazioni disponibili per quanto riguarda l’utilizzo degli amminoacidi sulla salute del tratto gastrointestinale dei vitelli.
     
  • AMIDO E ZUCCHERI: La fonte di energia preferibile è il lattosio. I vitelli hanno una capacità relativamente bassa di digerire l'amido rispetto ai suini.
     
  • GRASSI: I grassi insaturi sono preferiti ai grassi saturi. L'emulsione utilizzata per la preparazione del latte artificiale, può favorire ulteriormente la digestione dei grassi.
     
  • FONTI E LIVELLO DI FIBRE: Si raccomandano paglia e foraggio come mangime aggiuntivo per supportare lo sviluppo del tratto gastrointestinale. Sostituti del latte per vitelli, o latte intero, di solito non contengono fonti di fibre o ne contengono in quantità limitate.
     
  • CALCIO, FOSFORO e SODIO: Sono poche le informazioni disponibili sui livelli ottimali di calcio, fosforo e sodio per promuovere la salute gastrointestinale nei vitelli.
     
  • RAME e ZINCO: L'uso di alti livelli di rame o zinco non è né consentito né praticato nell'alimentazione dei vitelli.
     
  • MACRO-INGREDIENTI FUNZIONALI: L'uso del plasma liofilizzato può favorire la salute dei vitelli. Tuttavia potrebbe non esserne consentito l'uso nell'alimentazione a causa di vincoli legali. Le uova in polvere derivate dalle uova di galline ovaiole iperimmunizzate è una possibile alternativa.
     
  • ADDITIVI ALIMENTARI: L'uso di acidi organici per acidificare i sostituti del latte per vitelli non è comune, ma potrebbe essere considerato. Ulteriori opzioni includono butirrato, pre- e probiotici e fitogenici per modulare il microbioma intestinale e supportare la funzione di barriera della mucosa.

 

Autore: Dott.ssa Federica Fioranelli dott. Luca Talllè

 

Tratto da : Animal nutrition strategies and options to reduce the use of antimicrobials in animal production

 

Leggi anche: Strategie di nutrizione animale nella lotta alla antimicrobicoresistenza

 

 

 

Stampa

Redazione VeSARedazione VeSA

Altri articoli di Redazione VeSA

Contatta l'autore

Contatta l'autore

x